Marketing

Resistere e ripartire: i cinque punti chiave che faresti meglio a “tatuarti” addosso

Emanuele Pianelli Richfit

Resistere e ripartire: i cinque punti chiave che faresti meglio a “tatuarti” addosso

È possibile resistere e prepararsi a ripartire in un periodo come quello che stiamo vivendo? 

La risposta è un secco sì! Infatti oggi vedremo proprio questo: i 5 punti chiave per resistere e ripartire che, se li applichi, ti garantisco possono fare una vera differenza per te, imprenditore del fitness.

Probabilmente potresti chiederti… “Ema, perché parli di rilancio se non sappiamo ancora quando riapriremo?”

Ottima domanda! Ed ecco il vero motivo…

Perché in realtà, anche se ora sembra un ricordo troppo lontano, prima o poi torneremo a riaprire le porte dei nostri club al grande pubblico.

Quindi, come puoi immaginare, non posso minimamente pensare di prepararmi alla riapertura il giorno prima che ottengo il permesso di farlo. No… 

Mediamente, per garantiti una ripartenza alla grande, che ti permette di tornare in campo in piena forma, ci vuole un periodo che si aggira tra le quattro e le cinque settimane.

Ecco perché, anche se il permesso di riaprire lo avessimo agli inizi di giugno, bisogna iniziare a prepararsi da questo preciso momento.

Capisco che ora come ora pensare di prepararsi a ripartire non è un argomento che può andarti a genio più di tanto, perché giustamente hai bisogno di tornare a ingranare il prima possibile, ma di questo ne ho parlato abbondantemente negli articoli precedenti…

…e per venire in soccorso di ogni imprenditore del fitness, ho addirittura creato un mini corso gratuito, Clubber On Demand, che ti mostra l’esatta strategia di come è possibile tornare a ingranare anche in un periodo delicato come quello che stiamo vivendo.

Detto ciò, vediamo…

I 5 punti chiave per resistere e ripartire

Punto chiave 1: Prima i tuoi clienti

Sono anni che noi di casa Richfit, ci battiamo su questo concetto.

Infatti, chi ha seguito alla lettera i nostri consigli, guarda caso, anche quando l’intero mondo è stato messo in ginocchio, ha continuato a macinare profitti.

Alcuni mi hanno confessato che hanno guadagnato addirittura di più rispetto a quando erano aperti.

Qual è il loro grande segreto?

Niente di fantascientifico. Semplicemente hanno concentrato i loro sforzi sui clienti che già possedevano nel loro database.

Ma nel senso pratico, che cosa vuol dire prima i tuoi clienti?

Significa…

Tranquillizzarli. Comunicare con loro. Dirgli che, nonostante tutto, tu ci sarai.

Ovvio che tutto questo assume più efficacia, se questa comunicazione avviene in maniera costante, proficua e utile per chi ti ascolta.

Comunicare con il tuo cliente NON significa pubblicare un semplice post su Facebook al mattino quanto te ne ricordi…

NON significa condividere i tuoi problemi e le tue frustrazioni…

E NON significa nemmeno tartassarli di email o mandarne saltuariamente al bisogno.

Ma…

Comunicare, lavorare e avere a che fare con i tuoi clienti significa comunicare in modo tale da poter essere loro d’aiuto. Essere delle risorse per loro, nonostante le circostanze.

Tutto questo, accompagnato da un concetto fondamentale: loro ti hanno già pagato, altrimenti non staremmo qui a chiamarli clienti, e, per modo di dire, è come se tu ora avessi in ostaggio i soldi che loro già ti hanno dato.

Capisci bene che, essere non presenti, desta parecchia preoccupazione.

Quindi, come prima cosa, cerca di recuperare i tuoi clienti, rassicurandoli che i loro soldi non sono andati perduti, e che sono in buone mani.

E questo ti porterà a un duplice beneficio:

  1. Non perderai i tuoi clienti;
  2. Se continui a erogare i tuoi servizi come ti mostro qui, allora alla riapertura non sarai costretto a rimborsare i soldi che già ti hanno dato!

Punto chiave 2: Assistenza al cliente

Sapevi che ogni volta che dai assistenza al tuo cliente, ti stai creando una nuova opportunità per potergli vendere un tuo servizio?

Oltre a creare un legame duraturo, una volta che tu hai compreso il problema del tuo cliente, puoi dirgli che potrà risolvere quel problema grazie a un tuo servizio già esistente, o magari, grazie al suo input, potrai darti da fare per creare un altro servizio aggiuntivo…

…e venderlo ogni qualvolta si ripresenta quel problema. 

E questo gioca a tuo vantaggio perché il lavoro fatto su un cliente, ti potrà servire anche con un cliente diverso da quello che ti ha posto il problema.

Come puoi prestare assistenza a tuo cliente?

Il modo più scontato è tramite un post sulla tua pagina Facebook, nel quale comunichi che i loro soldi non sono andati persi, e tutta quella roba lì.

Ma, il modo più infallibile, è muoversi soprattutto offline: fai una chiamata al tuo cliente a rassicuralo personalmente!

Ricorda: tratta i tuoi clienti come degli essere umani, e loro si sentiranno più a loro agio a rimanere con te.

Piccola parentesi: se stai pensando, anche solo minimamente, di non voler far recuperare i soldi che i tuoi clienti ti hanno già dato, sappi che stai commettendo un grave errore.

Ora magari quei soldi ti potranno fare comodo, certo. Ma sappi che prima o poi le palestre verranno riaperte, e farlo senza clienti, beh, ha le sue conseguenze.

Quindi, non farti prendere dalla parte emozionale, e riconosci i diritti dei tuoi clienti!

Un tuo cliente mediamente vale almeno 10 volte il recupero che dovresti concedere, per cui ragiona con i numeri e non con l’emotività del momento.

Ecco cosa devi fare: solleva quella cornetta, chiama i tuoi clienti e dagli quello che vogliono sentirsi dire: un piano preciso per allenarsi!

Andiamo avanti…

Punto chiave 3: Fai affidamento a valide strategie di marketing

Queste, se le applichi per bene, ti consentiranno di:

  1. Acquisire nuovi clienti;
  2. Mantenere i tuoi già clienti.

Tutto questo per arrivare agli unici due obiettivi che ogni imprenditore del fitness deve ambire:

  1. Rinnovare abbonamenti, aumentando il tasso di fidelizzazione;
  2. Mandare in sviluppo i clienti.

Facendo solo questo, dovresti avere una struttura super redditizia.

Ogni giorno che passa in cui il tuo marketing non è attivo, anche solo per ricordare ai tuoi clienti che tu sei presente, stai castigando la tua azienda a uscire fuori dai giochi.

Quindi, ecco a te alcuni semplici strumenti da cui partire, utili per effettuare un marketing di successo:

  • Gruppo Facebook: per dirigere la tua mini televisione personale, in modo da comunicare uno a tanti, devi necessariamente avere un gruppo Facebook.
  • Avere un sistema di acquisizione clienti, aperto h24. Qui si aprirebbe una parentesi infinita su come farlo, ma questo mini corso gratuito ti mostra esattamente come fare!
  • Email Marketing: Comunica, informa, incuriosisci, spingi al passaggio successivo attraverso questo strumento davvero magnifico;
  • Telefono: Non credo abbia bisogno di presentazioni.

Punto chiave 4: Formati costantemente

Devi focalizzarti in quelle aree in cui senti di essere carente, in maniera ossessiva.

Non sai come creare un gruppo Facebook? Concentra i tuoi sforzi su quel versante.

Non sai come impostare un sistema di acquisizione clienti? Lo stesso discorso.

E per favore…

Non dirmi che non hai tempo, soprattutto in questo periodo. Anzi, il mio invito per te è quello di sfruttare proprio questo periodo per rinforzare la tua armatura e diventare impenetrabile dagli attacchi esterni!

Questo è il momento migliore per elevare le tue competenze, e passare al livello successivo.

Come minimo dovresti dedicare almeno due ore al giorno per formarti.

Però capisco che può essere una scelta difficile. Ecco perché…

Se non sai da dove partire, sentiti libero di prenotare una consulenza gratuita di 35 minuti con noi, così da indirizzarti verso la giusta direzione.

Sai perché ti dico questo? Perché i risultati che puoi ottenere grazie allo studio ti sbalordiranno. E il caso di Roberta Soldà, nostra studente, è un esempio lampante.

O di Luca che puoi vedere nel video qui in basso

E questo, inevitabilmente ci porta al quinto punto.

Punto chiave 5: Forma il tuo team

Che siano collaboratori, dipendenti o altro, devi necessariamente fare in modo che il tuo team viaggi insieme a te.

In che modo?

Usando gli stessi principi che abbiamo visto sino a questo momento, ovvero:

  1. Comunica con il tuo team;
  2. Tranquillizzali;
  3. Tienili attivi;
  4. Digli esattamente cosa devono fare!

Tutto questo per fare in modo di creare un team di successo, pronti a sostenerti con o senza la tua presenza

Punto BONUS: Non fare il gioco degli altri

Ti prego. Te lo chiedo in ginocchio… non cadere vittima della politica. 

Non pensare neanche minimamente che qualcuno possa risolvere la tua situazione di dolore.

È giusto manifestare, portare in alto i tuoi diritti e quant’altro. Ma questo non deve giustificare l’inazione, o esulare le tue responsabilità.

L’unica persona in grado di fare accadere le cose, e sconfiggere questa situazione dolorosa…sei tu!

Come puoi ribaltare questa situazione in soli 5 giorni, dedicando appena un’ora al giorno?

Partecipando a Clubber On Demand, la sfida gratuita targata Richfit!

In soli 5 giorni scoprirai come è possibile continuare a vendere i tuoi servizi fitness anche a palestre chiuse.

Per scoprire tutti i dettagli, clicca subito qui!

Spero questo articolo ti sia stato d’aiuto.

Alla prossima,

Emanuele Pianelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *